Per chi fosse già passato alla produzione di birra con tecnica Come automatizzare un Mash-Tun

autocostruzione

Published on ottobre 30th, 2011 | by Birra degli Amici

0

Come automatizzare un Mash-Tun

Per chi fosse già passato alla produzione di birra con tecnica all-grain, dovrebbe essere abbastanza chiaro che mescolare l’impasto del mosto non è proprio come mescolare un minestrone. A seconda della ricetta, potreste ritrovarvi a rimestare per più di un’ora una decina di chili di grano macinato immersi in decine di litri d’acqua.

Se non possedete dei bicipiti alla Schwarzy, potreste incontrare qualche difficoltà. Senza contare che, tenere costantemente aperto il coperchio della pentola, comporta una maggiore evaporazione ed una significativa dispersione di calore, con un inevitabile rallentamento complessivo del lavoro.

Pale per automazione mash tun in acciaioNè si può d’altronde rinunciare a mescolare l’impasto, operazione indispensabile a garantire una temperatura omogenea ed una migliore estrazione di amidi dal malto. Gli homebrewers si sono dunque ingegnati per trovare una soluzione.

La più popolare tra i birrai casalingi è sicuramente l’uso di un motorino da tergicristalli, dotato di ottima resistenza e capace di lavorare senza problemi per prolungati periodi di tempo.

Anche noi, per il nosto sistema di mescolamento, ne abbiamo acquistato uno. Camion o auto non fa differenza. Presso un qualsiasi sfascio potrete trovarne uno ad un prezzo accessibile. Per il nostro abbiamo speso 20 euro.

Raccordo delle pale al motorino per tergicristalli

Il motore deve poi essere collegato con un sistema di pale, preferibilmente in acciaio inossidabile (ma anche in alluminio). Nel nostro caso, ci siamo rivolti al nostro amico fabbro, che ha saldato su di una barra filettata delle piastre in acciaio della larghezza di circa 7 cm.

L’albero che ne è derivato, è stato dunque allacciato al motore tramite un piccolo raccordo.Per fissare il motore alla pentola, abbiamo fatto praticare tre fori in cui inserire delle viti ed un terzo in cui far passare il raccordo. Senza bisogno di alcun fabbro, potete praticare in autonomia i fori utilizzando un trapano ed una adeguata punta per metallo.

Coperchio della pentola in acciaio inox forato

Una volta realizzate le pale e innestatele al motore, dovrete pensare all’alimentazione. Vi occorrerà un trasformatore con un buon amperaggio, almeno 5A, per evitare che lo stesso si fonda, come è accaduto inizialmente a noi. Se, come gli Amici, pensate che i soldi non crescano sugli alberi, recatevi presso la più vicina discarica o isola ecologica o spargete la voce fra i conoscenti: quello che vi serve è un alimentatore da Pc.

Grazie alla cortesia degli operatori dell’isola ecologica di Ponte Mammolo, siamo riusciti a raccattare un paio di vecchi alimentatori, di cui il più potente da 12 v e 10A.

Costruite un ponte per permettere l’accensione dell’alimentatore (vedi qui) e operate i dovuti collegamenti con il motorino. Se tutto andrà bene dovrebbero iniziare a…girarvi le pale!

Alimentatore per pc per automazione del mash tun

Ecco infine alcuni consigli ricavati dalla nostra personale esperienza:

– le pale devono essere inclinate, in modo che lavorino portando verso l’alto l’impasto, evitando quindi che la parte bassa della pentola registri temperature più alte della media;
– saldare le pale alla barra filettata garantisce maggiore solidità ma minore flessibilità. Questo è verissimo per chi ha intenzione di variare le quantità delle cotte; per cotte con minore quantità, le pale superiori potrebbero rimanere fuori dall’impasto e girare a vuoto.

Per ovviare a questi inconvenienti, abbiamo progettato, per ora solo sulla carta, un nuovo sistema di mescolamento: si acquistano delle comuni schiummarole da cucina, circa sei, si taglia e si fora il manico, lo si inserisce nella barra filettatta e lo si blocca con dado e controdado. In questo modo sarà possibile di volta in volta regolare l’altezza delle nostre pale. Molto più rusticamente, pieghiamo poi il braccio della schiummarola per imprimergli l’inclinazione migliore.

Anche in questo caso, non c’è una soluzione buona ed una cattiva. Tutto dipende dai mezzi a disposizione e dalle esigenze dell’homebrewer. La nostra è solo una delle tante soluzioni possibili, che vi proponiamo esclusivamente come spunto creativo. Chi volesse può, in alternativa, acquistare un mescolatore per polenta (vedi qui) riadattandolo successivamente allo scopo.

Qui di seguito, invece, riportiamo le diverse creazioni di altri homebrewer:

Esempio1        My Sobry     HBsardi    Doc beer   Simona&Roberto

 
Per qualisasi ulteriore informazione o per inviarci le foto dei vostri impianti scriveteci a contatta birra degli amici

Buon lavoro e speriamo di avervi ispirato!

(Visited 121 times, 6 visits today)

Tags: , , , , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑