Come promesso nel BdB Day 2013 – Resoconto

Eventi birrai

Published on giugno 12th, 2013 | by Birra degli Amici

0

BdB Day 2013 – Resoconto

Come promesso nel post della scorsa settimana siamo tornati (un po’ brilli) per parlarvi di come è andata e di cosa è successo all’ultimo Birra del Borgo Day del 8 e 9 giugno.

Meteo. Il tempo è stato decisamente capriccioso alternando un sole da deserto del Gobi a nuvole e qualche schizzo di pioggia. Ci ha tenuto in allerta ma alla fine ha retto abbastanza bene. L’incognita metereologica ha tenuto per tutta la mattinata parecchia gente lontano dalla festa, che si è però riversata nella villa di Borgorose durante il pomeriggio. Affluenza dunque stabile, probabilmente anche leggermente superiore all’anno scorso.

Niente file. Anche con una buona affluenza, non si sono fortunatamente viste le file mostruose della scorsa edizione, soprattutto di fronte agli stand gastronomici. Un po’ di ressa (comprensibilmente) solamente di fronte al bancone di Birra del Borgo dedicato alle ultime arrivate.

Gastronomia. Decisamente promossa. Il Bdb Day si distingue dalle altre feste birrarie anche per questo. Polli alla griglia, arrosticini alla brace by Tornese, pizzette fritte, ali di pollo alla wildwest, pasta, panini con salsicce, salumi e porchetta, e per i più intransigenti panzanella vegetariana. Vastissima offerta e di ottima qualità.

Birra. Veniamo al capitolo più importante. Più di 50 birre alla spina, come annunciato. Tanti assaggi, molti litri ingurgitati, poche sorprese. Sono mancate le “grandi birre”, quelle che stupiscono, che ti fanno emozionare. Sarà che oramai le conosciamo tutte, sarà che siamo abituati ad ogni gusto e sapore, o sarà che la produzione si sta appiattendo sui gusti del grande pubblico..chi sa! Ai posteri l’ardua sentenza.

Fra i nostri assaggi:

– Pig Floyd (Castelli Romani)
– Starship (L’Olmaia)
– Lambic (Cantillon)
– Breakfast Beer (Black Isle)
– Cocoa Psycho (Brewdog)
– Fumata Bianca / Papa Reale (Birra del Borgo)
– Hoppycat (Birra del Borgo)
– Dirty Arrogant (Stavio)
– Bran (Montegioco)
– 8 Anniversario (Birra del Borgo)

Piacevole scoperta la Pig Floyd di Paolo Mazzola, una American Pale Ale molto bilanciata e beverina. Il lambic di Cantillon è sempre unico e..inossidabile! (che simpaticoni) 🙂
Interessante anche la Breakfast Beer di Black Isle, una ale da 2,8°alc. fatta con orzo, avena e frumento, dal deciso carattere maltoso. Delude la 8 Anniversario che non riesce a trovare una propria identità a causa, a nostro avviso, di un eccesso di aromi nel complesso poco armonici, e la Bran di Montegioco, sbilanciata su note dolci e difficile da terminare (soprattutto dopo una lunga giornata di sbevazzamenti…)

Promossa a pieni voti l’area “Collerosso“. La parte “distaccata” della festa allestita presso il vecchio birrificio era assai meno affollata ed presentava una migliore offerta brassicola. Senza dimenticare le affascinanti e bravissime ragazze del No.au. che curavano lo stand! Promemoria per il prossimo anno: piantare una tenda a Collerosso e stabilircisi in maniera stanziale.

Corso homebrewing. Come annunciato, abbiamo preso parte insieme al nostro amico K (birrificio TK) e ad altri pochi eletti al corso tenuto da Andrea Lecchini (Birra del Borgo) e Andreas Ganstaller. Si è parlato di luppoli, delle loro caratteristiche e del loro uso. Molto interessante se non fosse che i due Andrea-s si perdevano per lunghi periodi a parlare fra di loro in inglese dimenticandosi di noi auditori.. :_(
Per scoprire tutti i consigli degli Andrea-s dovrete però seguirci con il prossimo post dove pubblicheremo tutte le info raccolte in loco. (vedi qui)

Ultima menzione spetta ai nostri amici di Beer in Italy, che su invito di Leonardo di Vincenzo hanno presentato in anteprima la loro serie tv dedicata alla Renaissance della birra artigianale in Italia, viaggiando per il belpaese, visitando birrifici, intervistando birrai e, soprattutto, bevendo ‘na cifra! Vi invitiamo a seguirli sulla loro pagina Facebook cliccando “mi piace”!

(Visited 3 times, 1 visits today)

Tags: , , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑