La maturazione: te la devi proprio scorda’

Fare la birra no image

Published on dicembre 3rd, 2011 | by Birra degli Amici

0

La maturazione: te la devi proprio scorda’

Birra degli Amici Dubbel

Quanti birrai sulla nostra strada ci hanno guidato, consigliato, aiutato, facendoci diventare quello che siamo! Uno, in particolare, ha segnato la nostra storia. 

Non ricordiamo il suo nome. Così come era arrivato, scomparve, d’un tratto, in un alone di mistero. Ci lasciò in dono il ricordo dei suoi lunghi capelli di cartapesta, il sapore delle sue birre specialissime e, soprattutto, la sua saggezza.
Te la devi proprio scordà, era il suo motto. “La birra, una volta che l’hai fatta, te la devi proprio scordà!” Usava scordarsela così a lungo che quando gli veniva lo sghiribizzo di assaggiarla, ci trovava i topi affogati.
Maestro, perdonaci se non siamo capaci di seguire i tuoi insegnamenti! Ancora oggi, trascorse neanche due settimane dall’imbottigliamento, non riusciamo a resistere alla tentazione di assaggiare la nostra birra. E questo non è sempre bene.

Il Secco è il sempre il primo ad assaggiarla. Non fai nemmeno in tempo a versartela nel bicchiere che lui ha già vuotato il suo e sta scuotendo la testa sconsolato. Inizia ad inveire contro la birra, contro il lievito, contro la ricetta. Poi viene fatto calmare ed anche gli altri possono assaggiare: “Secco, non è così male”.
Lui la riassaggia, se ne versa un altro bicchiere e finisce col dire che è sicuramente la birra più buona che sia mai stata prodotta.
A quel punto interviene Alessietto, il quale afferma che sì, è buona, ma si può sempre migliorare, magari introducendo qualche magico ingrediente: chessò… castagne, cardamomo, liquirizia, lamponi, banane! Così, mentre Dildo, assumendo i panni della Svizzera, tenta di fare da paciere fra le parti, iniziano le interminabili ed inconcludenti discussioni degli Amici.

 
Che volete farci, siamo fatti così! E’ solo allora che ci tornano in mente gli insegnamenti del nostro savio maestro e pensiamo a quanto aveva ragione… Certe volte la birra te la devi proprio scordare. Inutile azzardare giudizi a due settimane dalla fermentazione. La birra ha bisogno di essere lasciata in pace a maturare, preferibilmente in un luogo bello fresco. Ha bisogno di attenuare i suoi aromi più spigolosi, di chiarificarsi, di ripulirsi.
 
Dopo aver soddisfatto la nostra curiosità (chi l’ha detto che è femmina??), abbiamo quindi inaugurato Frighello, il nuovo frigo degli Amici, e depositato al suo interno la partita di birre. La lasceremo maturare al fresco per qualche mese, per gustarla appieno con il nuovo anno. Ora si che possiamo scordarcela!

(Visited 19 times, 1 visits today)

Tags: ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑