viaggi birrai

Published on febbraio 15th, 2012 | by Birra degli Amici

1

Viaggio tra birre e birrerie di Bruxelles

Birrerie a Bruxelles

Eccoci di ritorno dal nostro viaggio nella capitale della birra, quello che nell’esperienza di un buon birrario non può mancare. E’ stato un fine settimana all’insegna della birra artigianale, trascorso tra birrerie, birrifici e locali. Ecco quindi il resoconto della nostra esperienza, con alcuni consigli sui locali da visitare.

Attorno alla Gran Place, nel centro della città, si concentrano moltissime birrerie, tutte per lo più di livello commerciale. Vi si trovano molti turisti e molte di quelle birre da esportazione che possiamo gustare comodamente anche in Italia: Trappe, Chouffe, Kwak, Chimay, etc. Ci sono poi le classiche nazionali, la Kriek e Faro Lindemans, la Jupiler, la Grimbergen. Arrivati stachi e tardi il venerdì sera, ci accontentiamo del locale più vicino.

Ceniamo al Raphael, un luogo turistico ma raccolto, dove si può accompagnare un buon hamburger con un bel boccale di Grimbergen ad un prezzo onesto. Per il dopocena ci spostiamo al Delirium Cafè, luogo pieno di giovani e di vita, ideale se volete stare in compagnia e sperimentare il moviemento della capitale belga. L’offerta birraia non è male, ma lo stile non è proprio… belga! Ci servono la Val Dieu Gran Cru, che, inutile a dirlo, ha un sapore completamente diverso da quello sperimentato in Italia, in una pinta! Oltre alla Val Dieu, potrete gustare anche Chimay, Trappe e Chouffe.

Gli Amici si gustano una kwak a Bruxelles

Per concludere la serata, ci spostiamo infine da Au Brasseur, una piccola birreria per angolfoni. Carina, musica a palla, forse un po’ buia. Kriek Lindemans e Kwak la fanno da padroni. Soprattutto la seconda va molto per la quale. Acquistandone tre si ha in omaggio la quarta (chissà, forse era soltanto una scaltra promozione dell’oste per indurci a bere).

Il secondo giorno ci muoviamo con un po’ più di calma. Innanzitutto, durante la mattina visitiamo la Brasserie Cantillon, l’ultimo birrificio storico di Bruxelles ancora in vita (vedi anche Visita al Birrificio Cantillon). Fortunatamente, sembra in perfetta salute. Assieme alla Brasserie de la Senne è l’unico birrificio “artigianale” della capitale. Per 6 euro si può visitare il birrificio (il tour è assolutamente libero, basta non farsi foto nudi, dice la guida), seguire la spiegazione dei birrai e avere una degustazione di due birre, una lambic ed una gauze eccezionali. Un’esperienza da non perdere!

Quindi ci spostiamo al Moeder Lambic per un aperitivo, birreria che ospita alcune delle produzioni Cantillon. Lo stile ricorda moltissimo quello dell’Open Baladin, traccia di chissà quali intrighi internazionali. Le birre offerte sono molte e super. Troviamo pure qualche italiana. Anche la cucina non è male. Da provare la quiche classique, una sorta di sformato rustico, e il tagliere di salumi e formaggi. 

Ceniamo al Manneken Cafe, locale caldo e accogliente con un caminetto a vista e ampia disponibilità di tavoli. Si mangiano anche piatti locali, stoemp in particolare (una poltiglia di patate e ortaggi misteriosi). Birre alla spina nella norma, discreta offerta di birre in bottiglia.

Il Moeder Lambic di Place Fontaines

La sera, su consiglio del vecchio birraio Cantillon, ci rechiamo al Poechnellekelder, birreria dal nome impronunciaaabile proprio di fronte alla statua del Manneken Pis, l’amato bambino zampillante. Abbastanza deludente. Offerta di birre alla spina non eccezionale, grande offerta di birre in bottiglia, ma servizio piuttosto scadente. Si nota una certa scortesia e sufficienza nei confronti dei clienti. Un povero inglese si ritrova il bicchiere pieno di schiuma dopo che il cameriere si è “gentilmente” offerto di versagli la birra a cascata.

Il terzo giorno, come fece nostro Signore (noi sì che ci intendiamo di Bibbia), ci riposiamo. Siamo troppo pieni di birra e, anche se dispiace ammetterlo, ci riesce difficile avvicinarci solo a un boccale. Inoltre, alle tre  del pomeriggio dobbiamo partire alla volta di Charleroi per far ritorno a casa. Portiamo con noi tanti bei ricordi e… una scorta di birra artigianale!

Abbiamo visitato:
Au Brasseur – Rue des Chapeliers 9
www.aubrasseur.be
Brasserie Cantillon – Rue Gheude 56
www.cantillon.be
Delirium cafè – Impasse de la Fidélité 4
www.deliriumcafe.be
Manneken Cafè – Rue au Beurre 42
www.lemanneken.be
Moedel Lambic – Place Fontainas 8
www.moederlambic.eu 
Poechnellekelder – Rue du Chêne 5
Raphael – Rue du Marché aux Herbes 76
www.leraphael.be


Visualizza Birrerie a Bruxelles in una mappa di dimensioni maggiori
(Visited 75 times, 1 visits today)

Tags: , , , , ,


About the Author



One Response to Viaggio tra birre e birrerie di Bruxelles

  1. SuSter says:

    Troppo avanti!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑